Gentili clienti, in base al decreto Vicari del 16/10/2017 n. 148, sia i liquidi che le basi neutre non saranno più venduti fino a nuova comunicazione.
CARRELLO
Home / Guide / Con quale percentuale diluire gli aromi di tabacchi macerati?

Con quale percentuale diluire gli aromi di tabacchi macerati?

preparazione liquidi con aromi

AROMI di tabacchi macerati da diluire in base al 10%, vediamo il perché ?

In molti mi chiedono perché questi tipi di aromi vanno tutti diluiti in base al 10%?

Vediamo tutto questo in 8 semplici passi!

  1. Perché è più facile, 90 ml. di base + 10 ml. di aroma.
  2. Perché ho voluto avere una percentuale uniforme di diluizione per tutti gli aromi, per evitare confusione e/o sbagli in fase di miscelatura.
  3. Perché, una volta che ho “in mente” un determinato aroma, ne stabilisco l’intensità e la forza, ovviamente in base ai mie gusti.
  4. Perché conosco i tabacchi che utilizzo, la loro intensità aromatica, la loro caratteristica che voglio “estrarre”. Ne conosco il “rendimento zuccherino” nell’estrazione, faccio prove e riprove preventive e, se ho dei dubbi, mi avvalgo anche di metodi strumentali come un rifrattometro che mi aiuta a stabilirne le concentrazioni “zuccherine”.
  5. Perché dalle prove effettuate in questi due anni ho constatato che questa percentuale mi permette di dosare ed uniformare al meglio le varie componenti estratte (tipo l’intensità di un estratto di Virginia chiaro (biondo) non potrà mai essere minimamente assimilabile all’intensità di un estratto di Latakia).
  6. Perché con questa concentrazione “ci si può permettere“ anche piccoli sbagli durante la miscelazione con la base, senza per questo alterare troppo il risultato finale, cosa che può facilmente accadere con aromi molto concentrati con i quali anche scarti minimi di un 10% comportano una evidente alterazione del liquido finale.
  7. Perché gli aromi “organici” da estratti naturali NON possono avere concentrazioni molto alte a meno di utilizzare estrazioni alcoliche “spinte” o aggiunte di “rafforzanti” di sintesi, che ovviamente io non utilizzo!
    L’estrazione con PG (glicole propilenico) è per definizione un’estrazione “dolce”, che non permette un’alta concentrazione delle molecole (zuccheri) nel PG stesso.
    Viceversa con le estrazioni alcoliche, da una parte si ottiene un’ estrazione più rapida ed “aggressiva” e volendo si può, tramite l’evaporazione alcolica, ottenere un aroma più concentrato per unità di misura.
  8. Perché un aroma più “debole” e meno concentrato se da un lato permette una maturazione del liquido più rapida (minor percentuale  di base neutra che deve interagire con l’aroma) dall’altro comporterebbe un maggiore costo del liquido finale aromatizzato vista la maggior quantità di aroma necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ci sono prodotti